martedì 16 dicembre 2008

E' NATALE (O PERLOMENO DOVREBBE ESSERLO!) PER TUTTI I BAMBINI!!!



Senza false ipocrisie questo periodo dell'anno mi è "insopportabile" da un solo punto di vista, già da un pò di giorni l'aria natalizia ha invaso le nostre strade e sembra che, come per magia, tutti debbano essere felici e contenti e avere la gioia nel cuore ... ora ... fatto salvo un milione di volte il vero significato religioso del Natale, che se ci attenessimo SOLO a quello forse non ci sarebbe stato nemmeno bisogno di questi post, ma tant'è ... è ormai da un pò di anni che mi trovo a riflettere sul fatto che il Natale viene festeggiato tanto ... troppo ... anche da persone che religiose non sono, che non hanno idea di cosa sia un presepe ... che dicono ... no, in casa mia solo l'albero per carità!!! ... io rimango sgomenta ... posso accettare le incoerenze di tutti i giorni, quelle che portano a tante piccole falsità, invidie ecc. ecc. ma questa non la posso accettare ... il significato del Natale sta nel presepe, l'albero addobbato ha una sua tradizione, può essere una decorazione ma il 'senso' del Natale (e parlo del nostro Natale eh!) sta nel presepe, nella Natività, se non sei religioso o credente o cattolico il Natale per te non esiste, non è giusto approfittarsi solo del lato materiale della festa, cibo, regali e così via ... non so come vi sembrerà questo mio sfogo ma ... era tanto che ce l'avevo sullo stomaco ... da quando ho visto persone che dicono di professare un'altra religione ... non faccio nomi però ... e quindi di non credere al Natale e a tutte le altre feste comandate che abbiamo noi cattolici ... però ... però ... quando mi è capitato di andare a casa loro in quei giorni ... che abbondanza di panettoni, mostaccioli,, roccocò, cena della vigilia a base di pesce e tutto il resto ... da quando ho visto festeggiare il Natale solo per spendere soldi ... per regalarsi brillanti ... ori ... e per sfoggiarli in società ... da quando mi sono resa conto che ci sono tante persone ... troppe ... che in questi giorni lo spirito natalizio non ce l'hanno ... non lo possono avere ... perchè hanno dolore ... ma in questi giorni ... paradosso ... si scatena anche l'indifferenza delle altre persone, che ringraziando Dio non hanno problemi seri ... in questi giorni non vorremmo sentir parlare di chi soffre, di chi è povero, di chi ha perso qualcuno caro ... vogliamo allontanare queste 'brutture' per paura di farci rovinare il 'nostro' Natale ... e allora?

Allora approfitto di quest'occasione che ci ha fornito quella gran persona di Andrea, per fermarmi a riflettere e dire un pò di cose, io faccio un lavoro, come tanti, che mi mette a contatto con i problemi di salute delle persone ... è da sei anni ormai che in questo periodo non posso fare a meno di pensare ai pazienti dello studio che sono ammalati o che hanno perso una persona cara proprio in questi giorni ... quest'anno non potrò fare a meno di pensare a donne giovani ... troppo giovani per ammalarsi ... che soffrono tanto ... che non riescono più a camminare ... non possono più prendere in braccio i loro figli ... non potrò fare a meno di pensare ad Emilia e alla sua mamma, che hanno perso l'uomo della loro vita, papà e marito adorabile, per l'esistenza di medici che al posto della coscienza hanno la pece ... ogni volta che mi appresto a mettere qualche piccolo addobbo nello studio mi fermo sempre e mi chiedo se è il caso ... non vorrei urtare la suscettibilità di nessuno ... potrebbe dar fastidio a qualcuna delle persone citate prima ... poi metto sempre anche un messaggio di pace ... come quello che ho scritto al commento nel blog di Elle ... cerco di augurare sempre e solo salute e serenità ... cerco di essere discreta ... cerco di fare della beneficenza nei miei piccoli limiti, non vi dico cosa perchè non mi piace parlarne ma ... ci sono i bimbi di mezzo ... l'anno scorso ho provato lo sconforto sulla mia pelle ... come già detto ... mio papà aveva da poco saputo di avere un tumore ... quindi ... pochissima voglia di festeggiare ... ma tanta di pregare ... lo abbiamo fatto tutti insieme a tavola ... ho scritto a nome di mio figlio una lettera a Gesù Bambino .... e l'ho letta e ci ha fatto bene ... il Natale era lì con noi ... ora basta sennò non la smetto più scusatemi ancora per questo post, forse sconnesso ... ma avevo bisogno di uno sfogo ... ora vi lascio con le belle parole di Andrea ...

"Cari amici, scusate se vi posso sembrare invadente e in qualche misura arrogante. Premesso che non voglio offendere nessuno, come ogni anno, invito tutti gli amici a ricordarsi che Il Natale è soprattutto la festa dell' Amore, della fratellanza ma principalmente è la festa dei Bambini. Forse non si festeggia la nascita di uno di essi? E' l'unico momento (purtroppo) dove tutte le diversità debbono scomparire e deve prendere il sopravvento lo spirito di solidarietà. Come ho già fatto l'anno scorso Vi invito a destinare una piccola percentuale delle somme che spenderete per i regali di Natale( so che quest'anno le somme sono già piccole)a comprare un sacchetto di generi alimentari di prima necessità. Vi riporto alcuni esempi: una busta di latte 80cent.1 pacco di pasta 85 cent. 1 di zucchero 90 cent. 1 pacco di biscotti 1 euro pomodori pelati 60cent ecco basta entrare anche in un discaunt e spendere anche 5 euro e destinarli al più vicino orfanotrofio oppure a una casa famiglia.Farete felici dei bambini che purtroppo non sono stati baciati dalla fortuna come i Nostri e che hanno perso tutta la loro prerogativa di essere bimbi:l'innocenza, la spensieratezza, la genuinità, molto di loro hanno vissuto e continueranno a vivere (nel ricordo) esperienze che hanno violato il loro status di BAMBINO. Adesso basta, non voglio lagnarvi più di tanto, vi chiedo scusa di questa mia invasione, so che magari vi ho reso tristi per qualche minuto della vostra vita, ma lo faccio per poter, dalla vostra tristezza momentanea ,regalare qualche minuto di felicità negata ai BAMBINI."
Grazie Andrea ...

11 commenti:

andrea matranga ha detto...

ho i brividi..non riesco a dire altro che Grazie sono felice di aver conosciuto una persona come tè io con il mio appello spero di scalfire tanti cuori dure come dici tu come la pece..ma in te è in tanti altri come te ho sfondato una porta aperta. ho trovato un cuore morbido come il burro.Grazie ti auguro tanta ,tanta felicità

Elle ha detto...

sei il solito tesoro.. sono felice di avere un' amica come te :-)

panettona ha detto...

mi sei mancata tanto!!!
ps
sei una donna fantastica, spero tu lo sappia, mi dispiace tanto avere così poco tempo e la testa da un'altra parte!!!
un abbraccione a te , al tuo bimbo e a tutta la tua famiglia ;)

Romy ha detto...

Sono felice di vedere con quanto entusiasmo l'iniziativa di Andrea sia stata accolta...Un abbraccio forte! :-)

roxina ha detto...

Ciao Giusy, le tue parole sono molto toccanti! Io credo che lo spirito del Natale sia quello che hai spora descritto, solidarietà amore fratellanza e perdono, questo Natale mi sono imposta di perdonare alcune persone che mi avevano ferita e credo che sarà una festa speciale! Degli addobbi e regali poco me ne importa, bisogna pensare a chi sta peggio di noi...una volta, visto che siamo in vena di sfoghi, eravamo alla messa di mezzanotte, e un intero gruppo di amici, pian piano a cominciato a defilarsi, senza rientrare! Io sono rimasta fino alla fine, e quando ho chiesto il motivo per cui erano usciti mi hanno detto per fumare...mi sono arrabbiata, queste persone poi dicono che vanno a messa, ma che ci vai a fare se resti fuori a fumare?! che amarezza...
ti abbraccio :*

Dolcetto ha detto...

Se più persone la pensassero come te ed Andrea il Natale tornerebbe ad essere una vera festa dell'amore anzichè materialismo... Sinceramente io quest'anno non ho fatto nè presepe nè albero perchè trovo che il Natale non sia più la festa di quanto ero piccina, ora non si fa altro che pensare a fare e ricevere regali e preparare da mangiare, scordandosi del vero significato di questa importante occasione... Mi ha fatto piacere leggere il tuo post, mi ha tirato su di morale perchè sono felice che ci siano persone come te ed Andrea!

Tittina ha detto...

ciao Giusy sono felice di conoscere una persona come te, ormai se ne trovano poche che sanno percepire il vero significato della Nativita'...il troppo consumismo ha fatto perdere lo spirito con cui ci si deve avvicinare al Natale..un forte abbraccio Tittina

Lo ha detto...

tu sei stupenda...e dolce e cara ...e a te che sei così a te mi sento di dire buon natale...con il mio cuore...sai non lo dico spesso..ma tu mi capisci se lo dico! un abbraccio

unika ha detto...

sei dolcissima:-)
Annamaria

Geillis ha detto...

In questo caso il mio commento è controcorrente, cara Dida: io non sono credente da vari anni, dopo un lunghissimo periodo di militanza cattolica, e questo per motivi personali molto dolorosi che non posso raccontare in poche parole.

Eppure quello che per te ha un significato esclusivamene religioso, per chi non lo è può avere altre valenze: innanzi tutto pace, solidarietà e fratellanza sono valori comuni, che in questo caso vengono condivisi anche da chi non crede: e poi, i giorni di Natale sono comunque legati all'infanzia, ai ricordi, alle tradizioni familiari che ti porti dentro, al ritrovarsi insieme, anno dopo anno, magari con nel cuore persone che non ci sono più, ed è comunque bello e importante, non trovi?

giulia ha detto...

Ciao!!! sono stata assente un po' anche io quindi ora voglio farti i miei auguri di buone feste e buon spadellamento , un felicissimo 2009 ricco di gioie!! giulia