martedì 11 novembre 2008

CARA LO ... TI SCRIVO ...

Si, mia cara Lo, cerco di scriverti accogliendo con infinita gioia il tuo invito, sperando di esserti utile, sicuramente mi metterò a nudo, con i miei pregi e tanti difetti, ma devo raccontarmi così come sono perchè chi mi deve conoscere, accettare, condividere o criticare, lo deve fare sulla base di elementi veritieri.

Il blog è stato un "regalo" che mi sono fatta, uno spazio tutto mio per far crescere una passione, nata da pochissimo a dir la verità, e per condividere con voi anche i miei pensieri e la mia vita come sto facendo in questo momento con grande commozione. Ovviamente c'è un antefatto a tutto ciò: il catapultarmi nella rete alla ricerca di ricette, il cucinare, in modo quasi compulsivo nei primi tempi, cose che non avevo mai provato prima, è stata una rezione a quanto era avvenuto nei mesi precedenti. Io ho acquistato il pc circa un anno fa, ad ottobre precisamente, contemporaneamente succedeva anche qualcos'altro nella mia vita, mio padre ha avuto un malore, seguito, dopo pochi giorni, da un altro evento che, apparentemente, non sembrava essere collegato ma ... ormai io avevo il pc, il collegamento ad Internet pure e ... la rete, purtroppo, è spietata, potrei dire 'non è umana', 'non tiene conto dei sentimenti', ma in questa vicenda ho potuto constatare, per l'ennesima volta, che ci sono anche tanti 'umani' che non tengono conto dei sentimenti, quindi, dicevo, è stato fin troppo facile, per me,digitare su Google i due episodi che avevano colpito papà ed avere un'unica risposta: tumore. Eccolo lì, è arrivato papà, lo sapevo da tempo che ti avrebbe colpito, non so perchè ... a volte si hanno questi presentimenti sottili, sfuggenti, vi capita? ... non so perchè, ma lo sapevo che avrebbe colpito te, la persona apparentemente più dura ma in realtà terribilmente fragile e vile. Adesso io lo sapevo ma per tutti gli altri si doveva aspettare l'esito della tac prima e della visita specialistica poi ... tutto confermato ... programmato l'intervento ... gennaio 2008.

Non vi dico che Natale è stato il nostro dell'anno scorso, solo la presenza di mio figlio ha dato un senso al presepe, all'albero, ai regali e tutto il resto ... poi solo lacrime e brutti presagi.

Non ho mai pregato così tanto in vita mia ... era l'unica cosa che mi facesse stare un pò meglio ... e il Signore ha voluto che l'intervento di papà andasse bene ... ora, è ovvio, deve sottoporsi a controlli semestrali, proprio in questi giorni, infatti, si sta sottopondendo a tanti esami ... ogni volta c'è la paura ... ogni volta leggo nei suoi occhi lo smarrimento, anche se lui non ne parla, non ne vuole parlare ...

Scusami per la mia prolissità Lo, ma io solo così so scrivere!

Quindi, per circa tre mesi, il mio rapporto con la rete è stato basato esclusivamente sulla ricerca di notizie riguardanti la malattia di mio padre ... parlando con alcuni amici ho scoperto un altro mondo, quello delle cure alternative, ho sognato ad occhi aperti e ho letto cose inimmaginabili qui, qui, qui, qui, qui, qui e qui, vi chiedo di farci una visita anche voi, se vi va e, serenamente, di dirmi quello che ne pensate, l'unico forum nel quale sono entrata è stato quello di http://www.medicitalia.it/, ho chiesto e ancora chiedo consulenze ad un gruppo di medici che, gratuitamente offrono il loro parere e che ho avuto modo di appurare essere persone splendide, attraverso questo sito ho 'conosciuto', sempre solo tramite web, purtroppo, persone speciali come la dr.ssa Agnesina Pozzi che mi ha sconvolto con i suoi scritti.
Ad un certo punto, non ce l'ho fatta più ... davanti agli occhi vedevo solo referti medici, pagine di testimonianze, casi disperati, la notte avevo degli incubi, mi sembrava di sentirmi addosso le sofferenze di tutti i malati del mondo, sentivo il peso delle ingiustizie che tutti i giorni siamo costretti a subire ... insomma stavo scoppiando ... quando poi un giorno di marzo, mio marito mi dice "Vogliamo fare le zeppole per il nostro onomastico?", "Ehhhhh!!!" gli rispondo "le zeppole??? e chi le sa fare?", poi mi son detta " ... e se cercassi una ricetta su Internet?" e così tutto ha avuto inizio ... ho scoperto la mia manualità in cucina, ho scoperto che posso rilassarmi impastando il pane, la pizza, i biscotti per mio figlio, ho scoperto la piccola felicità che posso provare ogni qual volta 'riesco' a completare una ricetta, si, perchè l'eterna lotta che da sempre combatto con me stessa è quella contro l'insicurezza.
Il blog è stato un regalo, dicevo, perchè scrivere e leggere sono sempre state le mie passioni in assoluto, ho iniziato e poi interrotto decine di racconti, di diari, quaderni - i libri, i miei adorati libri, sono stati i compagni più fedeli nei periodi bui, a partire dall'adolescenza, mi chiudevo nella mia cameretta e ... viaggiavo, sono stati una vera e propria 'terapia', qualche anno fa ho avuto un esperienza di giornalismo, un periodo bellissimo, avevo finalmente trovato la mia vera natura, mi sentivo rinata dopo un lungo periodo di silenzio interiore ... ma poi, un'altra delusione mi ha fatto cadere giù ... e poi, di nuovo, la risalita e il sorriso di Dio mi ha donato mio marito prima, mio figlio poi.
Il blog è stato un regalo che mi avete fatto anche voi, tutti, entravo nei vostri blog e vedevo che "circolavano sentimenti" e questo fatto mi piaceva, perchè io sono sempre alla ricerca di persone con le quali condividere sentimenti veri, i vostri post, i commenti, le risposte, l'invito ad aprire anch'io un blog ... mi hanno fatto sentire ... ecco, si, sentire qualcosa che poteva aiutarmi e così è stato.
Il blog è stato un regalo perchè, per me, non è tanto semplice, spesso non riesco a trovare il tempo che vorrei dedicare a tutti vostri blog, e ogni volta che mi siedo al pc mi sembra di 'rubare' tempo a marito, figlio, genitori, faccende di casa, ecc, ecc, ecc, ogni tanto mio marito mi richiama perchè ci sto un pò troppo, dovete capirlo, la nostra è una vita molto molto semplice, lavoriamo per arrivare a fine mese, l'anno scorso abbiamo fatto il salvadanaio per comprare il pc, quest'anno per andare in vacanza, il nostro bilancio è molto precario, fortunatamente quest'anno ho avuto una supplenza di 45 giorni che ci ha permesso di stare un pò tranquilli per un paio di mesi, (io aspiro a diventare uno di quegli insegnanti statali mal pagati che tanto si lamentano) e, forse, senza cattiveria, questo spazio, questo tempo, gli sembrano un pò 'sprecati', io lo capisco, ma gli faccio anche capire che per me non è così.
Il mio blog è un regalo tutti i giorni perchè mi dona i vostri commenti, le vostre ricette, mi ha spronato a migliorare, a prestare attenzione anche alla presentazione di un piatto, così da suscitare un sorriso sulle labbra del mio amore quando torna stanchissimo dal lavoro e se ho comprato delle ciotoline per eventuali zuppe, un vassoio nuovo ... (in finta porcellana bianca!) delle tovagliette e sono più accorta quando faccio le fotografie ... io non ci trovo nulla di male, poi se dietro questo schermo posso incontrare falsità, incoerenze ... non c'è niente di nuovo ... è la vita!
Il mio blog è un regalo perchè per me è importante, perchè per me siete importanti tutti, perchè per me sei importante ... Lo!
grazie della pazienza a quanti avranno il coraggio di leggermi.
P.S
SCUSATE MA VOGLIO, IN EXTREMIS, RINGRAZIARE TANTO VERONICA, PER IL PREMIO DOLCEZZA CHE, MOLTO CARINAMENTE MI HA VOLUTO DONARE ...
MI RENDE FELICE PERCHE' CREDO CHE SIA UNA PERSONA SPECIALE E IO LO PASSO CON GIOIA A QUANTI LEGGERANNO QUESTO MIO POST!
QUESTA E' LA DIMOSTRAZIONE PRATICA DI CIO' CHE HO CERCATO DI ESPRIMERE SOPRA ... E SPERO DI ESSERCI RIUSCITA!
GRAZIE VERY!!!

18 commenti:

panettona ha detto...

beh allora il premi me lo prendo perchè ho letto tutto il post!!!
tu già lo sai 8 spero ) quello che penso di te ;)
in nostro rapporto è cominciato prima del tuo blog e spero dontinui e si rafforzi giorno dopo giorno nonostante la mia scarsa presenza dell'ultimo periodo ...
mi pace leggerti perchè so che le tue parole sono dettate dal cuore, un bacione grande grande
eliana

Claudia ha detto...

Cara ho letto con attenzione tutto ciò che hai scritto e mi son anche emozionata.. non è semplice mettersi a nudo così! hai passato davvero un bruttissimo periodo, ma son contenta che tuo padre stia meglio!e son contenta che in questo mondo di blog tu abbia trovato gioia e nuove amiche. Ti abbraccio fortissimamente!

antonietta ha detto...

ciao bella!
Mi ha commosso leggere il tuo post.Mi ricordano i mesi d'inferno passati da mio padre malato di parkinson, morto il 20 aprile scorso dopo 1 mese di atroci dolori.Ti capisco in tutto e se vuoi uma mano, scrivimi pure.Un bacio

Morettina ha detto...

Ciao Dida! Che bello poter leggere di te....
Un bacione

unika ha detto...

dobbiamo ringraziare Lo che ci ha dato la possibilità di uscire dal guscio e in questo modo conoscerci meglio:-) un bacio sei dolcissima
annamaria

Lo ha detto...

Dida tu ti scusi e io avrei letto ancora e ancora e ancora....hai scritto con il cuore e io ti sono grata..ed emozionata...sono rimasta sospesa per un attimo...Annamaria dice di ringraziare me...ma io in questi giorni non mi stanco di scrivere tre parole che sento: grazie di cuore! Ora mi gusto ancora un po' le tue parole...poi però vado a vedere della medicina alternativa...per me...è quella tradizionale ad essere alternativa...
un abbraccio

Benedetta ha detto...

Bello Dida,
lo sai mentre leggevo mi sono venuti brividi, li provo sempre quando mi emoziono!
Un abbraccio
Benedetta

Geillis ha detto...

mia cara, questa è la dimostrazione che dietro allo schermo, ai post e alle fotografie ci sono persone vere, che conducono una vita faticosa, hanno lavori spesso precari e malpagati (io ho rinunciato ad insegnare storia dell'arte, sennò sarei morta di fame), eppure che rovano comunque il tempo di scrivere, di cucinare, di informarsi.

Tutti noi arranchiamo dietro mille impegni, eppure uno spazietto per il nostro e per gli altrui blog lo troviamo, mi apre una cosa importante, irrinunciabile!

Geillis ha detto...

p.s per quanto riguarda la malattia di tuo padre, capisco cosa vuoi dire, prima ci siamo passati con mio cugino, poi un aneurisma fulm,inante da cui mio padre si è salvato per miracolo, ora con mia suocera, come vedi non risparmia nessuno...

Fiofiò ha detto...

Dida, mi ha commosso tantissimo quello che hai scritto :-)
Sono davvero contenta che tu sia entrata nel mio blog e che mi abbia lasciato un commento :-)
Sei una bella persona, si dice da quello che scrivi :-)

Cosa mi rispondi se ti dico che il mio ragazzo abita a Castellammare???E che io sto sempre lì?? ualche volta, anche se raro, vado anche ad Angri :-)

Com'è piccolo il mondo :-)

Tittina ha detto...

cara Giusy sono contenta di conoscere una persona bella come te... sei molto dolce..Tittina

Dida70 ha detto...

@panettona
grazie delle tue parole Eli, sai che mi fanno piacere!
@ claudia
grazie e ... si , devo dire che non è stato semplice ma sono convinta che tanti, come te, mi comprenderanno!
@ antonietta
sono venuta da te!
@ morettina
un bacione bella mia,
smack!!!
@ unika
approfitto del tuo commento per stringere in un abbraccio tutte le persone che stanno percorrendo la stessa strada che tu, direttamente, io, attraverso mio padre, stiamo vivendo!
@ lo
per te, solo un grazie vero e enorme!
@ benedetta
felice di averti emozionato!
@ geillis
ciò che mi ha spinto a scrivere questo post è stata proprio la ferma convinzione che dietro questo schermo non c'è nient'altro che ... la vita, così come la viviamo tutti i giorni, con le falsità, le malattie,che sono la cosa più democratica che io conosca al mondo!, i momenti neri e le tante belle persone che sto conoscendo in questo nuovo mio cammino! io cerco tutti i giorni di trovare lo spazio da dedicare al mio blog per me e ... come già detto, cara Geillis, io vorrei tanto morire di fame con lo stipendio di insegnante perchè allora adesso,praticamente non sopravvivo nemmeno con il nostro di stipendio!

Dolce e Salata ha detto...

Ti ho letta con attenzione, commozione e non mi sbagliavo..sei una persona semplice, vera, profonda, sincera.
Mi dispiace per tuo padre spero si riprenda definitivamente!

Ti abbraccio forte e grazie per la tua testimonianza, ne farò tesoro..

Laura

roxina ha detto...

Cara Dida, ho letto tutto il racconto e ti giuro ho la pelle d'oca!
So per certo che sul web trovi tante persone subdole e poco affidabili, ma l'esperienza ci porta a conoscere anche tante persone magnifiche! Però pensandoci, non è come la vita vera?
Mi fa piacere che tu abbia scoperto questa passione, che ti aiuta magari a pensare a tante cose belle e mai a quelle brutte!
Mi ha fatto piacere leggere le tue parole, quasi come ti stessi confidando con me, da sorella a sorella! E ti abbraccio forte forte con affetto!
Michela

Dida70 ha detto...

@ roxina
grazia mille cara,mi fa enorme piacere il tuo commento!!!

manu ha detto...

che dire mi hai fatto venire la pelle d'oca!!! grazie a te per esserti raccontata così sinceramente...sei una bella persona vera e coraggiosa!!! ti abbraccio forte e vi auguro ogni bene a te ed alla tua famiglia!!! un grosso abbraccio forte forte!!!

Dida70 ha detto...

@ manu
grazie manu!

Elle ha detto...

tu sei una cattivona.. perchè mi stai facendo piangere davanti allo schermo!
:-)) dai Dida, scherzo, non sei cattiva ma... sto piangendo veramente.
un bacione, tenerona!