lunedì 2 novembre 2009

2 NOVEMBRE: COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI...

(la foto l'ho presa da questa pagina, se ci sono problemi basta avvisare che verrà subito rimossa)

A LIVELLA...

"Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitata 'n'avventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
(Madonna!), si ce penzo,e che paura!
ma po' facette un'anema 'e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMETOSO ERO DI MILLE IMPRESE
MORTO L'11 MAGGIO DEL '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
... sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"ESPOSITO GENNARO NETTURBINO":
Guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c''o tubbo,'a caramella e c''o pastrano;
chill'ato appriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'o muorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T' 'o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

Post di sole parole questo, le parole di Totò, che vi ho proposto anche l'anno scorso ma che dovremmo ricordare un pò più spesso, parole e pensieri intimi per i miei defunti più cari ma anche per quelli che 'vivo' ogni giorno, si ... attraverso il mio lavoro 'vivo tante morti' e anche se faccio questo lavoro da ormai sette anni non sono ancora riuscita ad entrare nell'ottica 'dell'ineluttabilità dell'evento', immagino la vita di chi vive in corsia, il mio capo mi dice che, per forza ad un certo punto, ti devi distaccare sennò non riesci più a fare il tuo lavoro serenamente e immagino che per loro dev'essere per forza così...per me no, anzi, quanto più tempo passa peggio è, perchè ora io conosco benissimo i 'miei' pazienti, e quando si ammalano li vedo quasi tutti i giorni o vedo i loro parenti e ascolto confidenze, storie, lacrime, e mi lego ancora di più e poi...un giorno scendo dal pullman e vedo un manifesto...e finisce tutto ... e ti prende la rabbia...com'è successo con Carmela, 39 anni, la mia età, 2 figli, una bambina di 5 anni, un ragazzo di 15, un marito disperato che pochi giorni prima mi chiedeva consiglio "Giusy che debbo fare, la lascio morire in ospedale, per salvaguardare la bambina o la porto a casa per farla morire nel suo letto?" e poi...è scoppiato a piangere sulla mia spalla ... che dirgli? e poi la signorina Maria, che mi voleva tanto bene, che quando ero incinta mi disse subito che si trattava di un maschietto e gli mandava sempre i saluti al 'suo mascolone' come le piaceva dire...la signora Annunziata, tanto preoccupata per la salute del marito, in sei mesi se n'è andata...l'avvocato Domenico, lo conoscevo solo di voce perchè lui ormai non usciva più e le nostre chiacchierate al telefono erano squisite, era una persona di una cultura enorme, ironico, sagace, mi faceva sempre sorridere quando mi chiamava e bonariamente prendeva in giro me e il mio capo, definendoci degli 'aterosclerotici precoci' perchè magari avevamo dimenticato di prescrivergli qualcosa, lo ricordiamo sempre con la sua adorata moglie, la signora Diana, ogni volta che lei viene allo studio infatti, mi confida quanto le manchi quell'uomo che le riempiva la vita... la signora Gianna, dopo tante sofferenze spero che ora avrà solo pace...la signora Francesca, la mamma di Loredana, alla quale mando un abbraccio enorme...la dottoressa Loredana...specializzata in oncologia per non vedere più persone soffrire e morire come era successo alla sua adorata zia...l'anno scorso ha perso zio Agostino, in pochi mesi, il marito di quella sua adorata zia e dopo 15 giorni ha scoperto, da sola ovviamente, che la mamma aveva lo stesso tumore che aveva appena portato via lo zio, altri sei mesi di sofferenze atroci e poi...un funerale...dolce Loredana, forte Loredana, non l'ho vista mai crollare...chissà... e poi tanti...tanti ancora che dovranno venire...lo so... a tutti questi miei defunti oggi voglio inviare un pensiero e un fiore virtuale.. e un pensiero anche alla poetessa Alda Merini, donna dalla vita complicata, che ha lasciato la sua vita terrena ieri pomeriggio... infine mi permetto un consiglio, che ho testato sulla mia pelle, ogni tanto, farebbe bene a tutti, indistintamente, farsi un giro nei cimiteri o negli ospedali, magari nei reparti di oncologia o meglio ancora nei reparti pediatrici...così...giusto per riflettere...solo per riflettere...

11 commenti:

Mammagiramondo. ha detto...

Hai ragione Dida, quante volte perdiamo di vista il fatto che la vita sia un dono prezioso. Quante volte ci arrabbiamo per delle sciocchezze e dimentichiamo quali sono i veri problemi, i veri drammi della vita.
Adoro la poesia di Totò che mi commuove sempre e ti ringrazio per questi pensieri che fanno riflettere e apprezzare di più ciò che abbiamo. Un saluto.

NIGHTFAIRY ha detto...

Ieri sono stata al cimitero, l'ospedale é luogo di numerose visite, ahimé..proprio il reparti di oncologia..capisco bene..Un bacione

Nanny ha detto...

Proprio questa mattina ai miei figli entrando nel cimitero del nostro paese mi è venuta imente una frase della Livella"trasenn int' a chistu canciell,si perd' tutt,a vit e pur o nom",e cosi è!
Mitico Totò!

manu ha detto...

sono sincera io parlo spesso con i miei defunti, o meglio li prego...nei momenti di sconforto, quando sono triste o anche quando mi succede qualcosa di bello, li ringrazio perchè so che loro mi sono vicini!!!un bacione

marifra79 ha detto...

Non solo in questo periodo i miei pensieri vanno a miei cari...ma sempre durante tutto l'anno! E' questo che dovremmo fare per farli continuare a vivere...almeno nei nostri ricordi!
UN ABBRACCIO

Anicestellato ha detto...

Parole giuste e meravigliose... un abbraccio nella speranza che vada tutto bene!!

unika ha detto...

sante parole...sei una persona meravigliosa...un bacio
Annamaria

fantasie ha detto...

Sei speciale e sensibile. E per questo ti assegno un premio. Vienilo a ritirare da me!
Baci
Stefania

Simo ha detto...

Come sono vere le tue parole, carissima.
Ti abbraccio, sei speciale

Mirtilla ha detto...

grazie dida,solo un abbraccio ;)

Lo ha detto...

grazie perchè è questo il vero senso di questi giorni un abbraccio