martedì 15 settembre 2009

CALZONE CON PASTA MADRE FARCITO CON ZUCCHINE E ASIAGO E PREMIO-MEME DI UN PO' DI TEMPO FA ...

Oggi vi presento il mio primo esperimento con il lievito madre che risale a qualche mese fa ... esattamente marzo scorso ... si lo so è passato un pò di tempo ... ma le foto in archivio sono tante e ogni tanto me ne perdo qualcuna!
Il blog ispiratore è quella della mitica Pagnottella ... il mio calzone è però farcito con zucchine e asiago...
Ingredianti
500 grammi di farina 0,
170 grammi di pasta madre
250 grammi di acqua
1 patata (di media grandezza)
1 cucchiaino di sale
5\6 zucchine medie
200 grammi di asiago
olio extravergine d’oliva

In un ciotola capiente, versare la farina, al centro la patata precedentemente cotta, spellata e schiacciata. Mescolare un po’ e aggiungere la pasta madre a pezzi, impastare versando a poco a poco l'acqua intiepidita. Quando il lievito si sarà ammalgamato per bene, aggiungere il sale e continuare ad impastare, affinchè il sale avrà abbracciato tutto l’impasto.
P.S. l'impasto dovrà risultare molto morbido e appiccicaticcio...Far lievitare, per circa 8-9 ore...Coprendo la ciotola con un canovaccio umido, trasferendo il tutto in forno spento, in cui metteremo, un pentolino di acqua calda.
Nel frattempo lavare e tagliare a rondelle le zucchine e cuocerle in padella con olio evo e una cipollina affettata sottilmente, poi ...quando la pasta è lievitata, prenderne la metà adagiarla e allargarla con le mani unte di olio in una teglia tonda (di 30 cm circa)io ho usato la carta forno per aiutarmi.

Mettere le zucchine a l'asiago a pezzetti sullo strato di pasta messo in teglia, aggiungere sopra a mò di coperta, il resto dell'impasto, sistemandolo con le mani unte d’olio, fino a coprire tutta la superficie sottostante, unire entrambi i bordi, formando un cordoncino. Porre in forno precedentemente acceso e riscaldato a 200 gradi per 25- 30 minuti...
...far raffreddare, tagliare a fette e ... pappare!!!


Tanto tanto tempo fa, la mia carissima Pagnottella mi passò questo meme-premio creato dalla sua fertilissima fantasia, si tratta di scrivere una barzelletta o citare un episodio che ci ha fatto particolarmente divertire. E ho deciso di dedicare questo post proprio a Pagny, innanzitutto perchè mi mancano molto i suoi bellissimi post e poi perchè sono d'accordo con lei che ridere fa tanto bene!!!
Appena lessi di questo giochino mi ricordai subito di un episodio accaduto anni e anni fa ... che comprende entrambe le cose, un episodio divertente e una barzelletta!
Dunque ... vediamo di raccapezzarci ... nel lontano 1997 uscì questo film, che voi tutti ricorderete credo, una bellissima storia, commovente, intensa e io come tanti altri, insieme alla mia comitiva mi recai al cinema per vedere 'Il paziente inglese' ... ci accomodiamo ... un pò sparsi ... inizia il film ... prosegue ... se ve la debbo proprio dire tutta ... io ero molto stanca, in quel periodo lavoravo ... facevo la promotrice nei supermercati, sapete quelle ragazze che vi rompono le scatole chiedendovi insistentemente di assaggiare caffè, biscottini ecc. ecc.? bhè io ero una di quelle rompi ... insomma per non farla tanto lunga avevo terminato il lavoro ed ero andata al cinema e, complice l'atmosfera non proprio vivace del film e il sottofondo musicale altamente conciliante ... si ... lo feci ... mi addormentai ma ... all'improvviso fui svegliata da delle grasse risate alle mie spalle ... erano le mie amiche Franca e Giovanna che, prese da un attacco di ilarità non erano riuscite a trattenersi ... subito partì il cazziatone della seriosa signora che sedeva di fianco 'Se il film non vi piace allora perchè non ve ne andate e ce lo lasciate vedere in pace?', io, incuriosita, cercavo di capire cosa avesse scatenato la loro ilarità in quel momento preciso e Franca mi spiegò, tutto ciò sempre fra le risate di tutte e due, che nel momento in cui sullo schermo era apparsa questa scena in cui si vede Hana che, praticamente 'vola' in una delle sale del monastero diroccato ammirandone i dipinti sulle pareti, alla mia amica Giovanna venne in mente una barzelletta che aveva ascoltato poche sere prima proprio insieme a Franca, la fece ricordare anche all'amica ed ecco scoppiare le risa ... ora immaginatevi la sala del cinema tutta persa nel silenzio di questa bellissima scena e le due sciagurate che si scompisciano al ricordo della barzelletta ... un disastro!!! Ma ora voi volete sapere di quale barzelletta si tratta ... o no? va bè io provo a ricordarla ... anche se la dovrete immaginare raccontata in napoletano ... dunque 'Una sera tre amici scapoloni decidono di andare in un locale particolare per prendersi una bella sbornia e passare il resto della notte in compagnia di alcune signorine compiacenti che avrebbero incontrato al locale stesso ... entrano ... cominciano a bere ... le signorine si avvicinano ma ... sono due e loro sono in tre ... però non c'è niente da fare, il terzo amico è proprio brutto e ubriaco fradicio fino all'osso, non si riesce a trovare una compagnia femminile nemmeno a peso d'oro ... ora i due amici pensano che ubriaco com'è non se ne accorgerà se gli faranno un bello scherzetto e così decidono di comprargli una bambola gonfiabile e portarla nella camera dove lui passerà la notte ... la mattina seguente si ritrovano e si raccontano l'un l'altro l'esperienza notturna , dopo aver ascoltato i due amici il terzo, quello brutto, li guarda con un sorriso di sufficienza e racconta loro della sua incredibile esperienza "Uagliù ... quella femmina era un portento della natura ... io sono entrato in camera ... lei era già sul letto ... allora le ho messo una mano sulla gamba e lei ... niente ... le ho messo una mano sul seno e lei ... niente ... l'ho baciata sulla bocca e lei ... niente ... allora l'ho girata e le ho dato un morso sul sedere ... uagliù ... non vi immaginate mai quello che è successo ... ha iniziato a volare per tutta la stanza e poi ... poi si è buttata giù!!!" ecco spiegato l'arcano ... la scena del film aveva fatto ricordare alla mia amica la bambola gonfiabile che volava nella stanza ... hi hi hi ... spero di non aver offeso nessuno!
un abbraccio a tutti voi e grazie dei vostri commenti al post precedente!!!

22 commenti:

marifra79 ha detto...

Sono la prima!!!!...
Anch'io se mi fossi ricordata la barzelletta sarei scoppiata a ridere considerando il tipo di film! A me non è piaciuto molto...però è una mia opinione.
Prima o poi mi piacerebbe usare il lievito madre...Ottimo il ripieno!!
Un abbraccio

dolci a ...gogo!!! ha detto...

mmmmmmmm dida che buono devve essere davvero gustosissimo!!un bacioni grande imma

soleluna ha detto...

Fantastico questo calzone credo proprio che mi ispirerò di nuovo a una tua ricetta per il lievito madre...buona giornata Luisa

Maurina ha detto...

Che aspetto invitante questo calzone. Adesso che le temperature si sono abbassate, ci si puo' nuovamente sbizzarrire con calzoni e focacce ripiente ... buone !!

FeF ha detto...

bellissima sta storiella, ma sai quante volte è capitato anche a me con le mie amiche di ridere nei momenti meno opportuni? ahahaha penso che capiti un po' a tutti!!!
buonissimo il calzone, il ripieno mi piace tantissimo;)
baci
Fiorella

Micaela ha detto...

che buono dev'essere! copiato!! ^__^

spighetta ha detto...

Una torta bella e rustica!!! Gnam!

Simo ha detto...

Uhhuhuhuhuhuhu...!!!!
Buono il calzone, gnammmmmmmm

Federica ha detto...

questo calzone è strepitoso!

Claudia ha detto...

uh che favola ma deve essre troppo favoloso addentare un panuzzo accussì
*
cla

Betty ha detto...

mamma mia che meraviglia... e chi resiste a questa delizia!!!
complimenti!

Danea ha detto...

Mamma mia che bontàààààààààà!!!
Buonissimo questo ripieno, copio subito!!

Lady Cocca ha detto...

Pagnottina è uno spettacolo...così come il tuo calzone e il tuo racconto...ciaoooooo giusy spero di vederti prestissimo...
baci baci

NIGHTFAIRY ha detto...

Che delizia, connubio perfetto!

manu e silvia ha detto...

Ciao! come primo esperimento non te la sei cavata proprio male! un calzone ricco ed invitante!
un bacione

unika ha detto...

io il lievitino l'ho perso:-( come stai....sicuramente in gran forma...:-) si il fine settimana è andato bene....come al solito le notizie che danno alla tv sono sempre allarmanti ma....alla fine un pò di acqua c'è stata ma....lasciamo perdere:-) questa pagnotta ripiena è una favola....:-) volevo dirti...che i commenti giapponesi non sono ofensivi sono solo una pubblicità:-) io mi riferisco agli anonimi che continuano a dirti cose brutte e io non capisco perchè entrano.....un bacione e buona giornata:-)
Annamaria

ABBI FIDUCIA NEL SIGNORE ha detto...

Dida ti e' venuto proprio bene , lo provero'ciao Annamaria

Gunther ha detto...

complimenti per questo magnifico calzone, immagino già il sapore

Dida70 ha detto...

@ tutti
ma grazie tanto tanto sempre dei vostri commenti!!! mi fa felice sapere che apprezzate sinceramente le mie preparzioni che poi non sono altro che le vostre che di volta in volta cerco di riprodurre!!!
un abbraccio forte

Mirtilla ha detto...

eh si...questo sa davvero di buono!!!

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Dida fantastico questo calzone! Il paziente Inglese... 3 ore di film se non sbaglio... mi ci trascino a vederlo "Il Bipede" in quel di Sanremo... c'era anche mio padre che si addormentò verso la metà del film... ahahahaha Baci Laura

Anonimo ha detto...

good start